Il Giappone, da oggi 28 dicembre e sino alla fine di gennaio 2021, chiude i suoi confini a tutti gli arrivi internazionali, nel tentativo di prevenire la diffusione della nuova variante inglese del coronavirus. Lo ha riferito il governo, citato dall’agenzia Nikkei. I rientri in patria per i giapponesi o per chi a residenza in Giappone saranno sempre consentiti.

La chiusura delle frontiere arriva nello stesso giorno in cui il Giappone ha annunciato un nuovo aumento delle infezioni di Covid a Tokyo. Nel Paese del sol levante preoccupano anche gli sviluppi sulla variante inglese del virus intercettata venerdì per la prima volta. Ieri il governo aveva individuato cinque persone portatrici del virus ad alta contagiosità scoperto in Inghilterra, quattro uomini e una donna atterrati agli aeroporti di Osaka e Tokyo provenienti dalla Gran Bretagna. Altri due individui, comunica il ministero della Salute, sono risultati contagiati all’interno dello stesso nucleo familiare.

Il premier nipponico Yoshihide Suga ha sollecitato la popolazione a ridurre gli spostamenti in concomitanza dell’inizio delle vacanze festive, che in Giappone coincidono prevalentemente con l’inizio del nuovo anno. Per la prima volta dall’inizio della pandemia le autorità sanitarie di Tokyo hanno alzato al massimo grado di allerta il livello di emergenza.

Ai ristoranti, i bar e i karaoke della città è stato chiesto di anticipare la chiusura alle 22 fino alla seconda metà di gennaio.